Scopri e ordina i prodotti Technogym direttamente dal nostro sito;
ti informiamo che le spedizioni e le installazioni potrebbero subire ritardi vista la forte domanda che stiamo gestendo.
Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

Le America’s Cup World Series e i team in gara nella 36a Coppa America

Ormai il conto alla rovescia è cominciato e, tra poco più di un anno, l’evento più atteso da tutto il mondo della vela sarà finalmente realtà: il golfo di Hauraki, in Nuova Zelanda, sarà il teatro della 36a edizione della Coppa America, il più antico trofeo sportivo esistente per cui ancora si compete. Le sue origini risalgono, infatti, al lontano 1851, anno in cui la goletta statunitense America ebbe la meglio sull’intera flotta del Royal Yacht Squadron britannico nella circumnavigazione dell’isola di Wight, aggiudicandosi, così, quella che all’epoca fu denominata “Coppa delle cento ghinee”.

Negli anni a seguire, questa antica e prestigiosa competizione avrebbe visto le migliori imbarcazioni del pianeta sfidarsi con regole diverse, ma con lo stesso obiettivo, dimostrarsi migliori di una concorrenza sempre più nutrita e agguerrita. I numeri, infatti, sono diventati tali che, dopo oltre un secolo, nel 1970, il sindacato organizzatore dell’evento si è visto costretto a indire una serie di regate eliminatorie, con lo scopo di selezionare il migliore tra gli sfidanti: sono queste le basi da cui nasce, nel 1983, la Louis Vuitton Cup, oggi Prada Cup, competizione che precede di poche settimane la Coppa America e che determina il team chiamato a sfidare i campioni in carica.

Ma se la Prada Cup e l‘America’s Cup saranno gli appuntamenti che, in rapida successione, terranno con il fiato sospeso il mondo della vela nel 2021, anche l’anno che è appena cominciato non mancherà di riservare emozioni a tutti gli appassionati della nobile disciplina. Tra aprile e dicembre, infatti, i team in corsa per aggiudicarsi la 36a edizione del trofeo si metteranno alla prova nelle America’s Cup World Series, una serie di regate che andrà in scena con il duplice obiettivo di promuovere l’evento e permettere ai partecipanti di confrontarsi tra loro. Un’occasione per sfoggiare, e soprattutto per testare “sul campo”, il frutto del lavoro di sviluppo svolto in questi ultimi due anni sui monoscafi volanti, che sono in acqua già da qualche mese, ma la cui efficienza deve necessariamente essere verificata.
La prima delle tre tappe delle World Series previste nel 2020 sarà Cagliari, il luogo che il team Luna Rossa Challenge ha eletto come propria base operativa e in cui, da oltre due anni, una squadra composta da più di cento uomini lavora sotto l’ala del patron Patrizio Bertelli all’imbarcazione che tenterà l’impresa: portare la Coppa America in Europa per la seconda volta – dopo la storica vittoria nel 2007 degli svizzeri di Alinghi – e, soprattutto, per la prima volta in Italia, terra da sempre legata al mare eppure mai arrivata ad alzare al cielo la “vecchia brocca”. Da giovedì 23 a domenica 26 aprile sarà dunque in Sardegna che gli appassionati di tutto il mondo potranno vedere tutti i concorrenti in gara contemporaneamente: lo spettacolo, sostenuto da una tecnologia che sembra venire dal futuro, è assicurato, e ogni team dovrà essere bravo a verificare pregi e difetti della propria barca e a “rubare con gli occhi“ gli accorgimenti utilizzati dagli avversari che potrebbero rivelarsi determinanti nel momento della verità.
Davanti al proprio pubblico, è scontato che Luna Rossa avrà tutta l’intenzione di fare bella figura: se, com’è naturale, l’obiettivo è quello di vincere, quest’anno il team italiano sente come non mai che le possibilità di riuscirci sono concrete. Merito di un team competente e affiatato, un mix apparentemente perfetto di entusiasmo giovanile ed esperienza che non ha niente da invidiare alla concorrenza: il progetto allestito da Prada è alla sua quinta campagna, dopo le quattro affrontate tra il 2000 e il 2013 e il ritiro dall’ultima edizione del trofeo, datata 2017, avvenuto per protesta in seguito al cambio in corsa del regolamento. Memorabile è stato l’esordio di Luna Rossa nell’edizione del 2000, che l’ha vista trionfare nella Louis Vuitton Cup e guadagnarsi la sfida per la Coppa America contro i neozelandesi di Black Magic, una gara che, pur risolvendosi con un netto successo del Defender, ha tenuto tutta l’Italia con il fiato sospeso.
Dopo essere arrivata a un passo dalla coppa, Luna Rossa non ha mai smesso di inseguirla e, anche in questa edizione, per conquistarla, dovrà vedersela con i migliori. Tra questi, ovviamente, i campioni in carica di Emirates Team New Zealand, già vincitori della Coppa America nel 1995 e primo equipaggio non americano a riuscire nell’impresa di confermarsi nell’edizione successiva, nel 2000, difendendo il trofeo proprio contro Luna Rossa.

Il quinto e ultimo team in gara rappresenta il Regno Unito, e più precisamente il Royal Yacht Squadron, club nautico nato nel 1815 e legato alla Royal Navy, che nel 1851 organizzò la Coppa delle cento ghinee con l’obiettivo di dimostrare la superiorità della marina britannica rispetto a quella statunitense. Sconfitti, i britannici non sono mai riusciti a rivendicare per sé il trofeo, lanciando numerose sfide che non si sono mai concluse con esito positivo e finendo, nella seconda metà del XX secolo, per lasciare ad altri Paesi il ruolo di Challenger.

Ancora una volta tutte le imbarcazioni in corsa si troveranno una di fronte all’altra per studiarsi e studiare gli avversari, quindi sarà il momento di apportare le ultime modifiche in vista del viaggio verso Auckland, dove dal 17 al 20 dicembre sarà la volta della Christmas Race, ultima tappa delle World Series prima delle regate che da gennaio 2021 terranno il mondo della vela con il fiato sospeso. Chi avrà l’onore di sfidare Emirates Team New Zealand? Chi alzerà al cielo la Coppa America? Ben 170 anni saranno trascorsi da quella prima storica battaglia intorno all’Isola di Wight. Le barche, gli equipaggi e la competizione saranno, nel 2021, radicalmente diversi da quelli di allora. L’emozione, però, sarà la stessa. È questo, del resto, il segreto del fascino senza tempo della Coppa America, il sogno di ogni velista e, ancora oggi, il massimo traguardo possibile in questo sport antico e moderno al tempo stesso.
America’s Cup World Series
  • 23-26 aprile 2020 America’s Cup World Series, Cagliari (Italia)
  • 4-7 giugno 2020 America’s Cup World Series, Portsmouth (Gran Bretagna)
  • 17-20 dicembre 2020 America’s Cup World Series, Auckland (Nuova Zelanda)
  • gennaio-febbraio 2021 Prada Cup
  • 6-7 marzo 2021 America’s Cup (inizio)
I team in gara
  • Luna Rossa Prada Pirelli Team (ITA)
  • American Magic (USA)
  • Emirates Team New Zealand (NZ)
  • INEOS Team (UK)
  • Stars & Stripes Team USA (USA)

/related post

Oliver: i miei primi 30 giorni con Technogym Bike

La storia dell'architetto inglese che ha deciso di provare Technogym Bike per allenarsi a casa quand...