Scopri e ordina i prodotti Technogym direttamente dal nostro sito;
ti informiamo che le spedizioni e le installazioni potrebbero subire ritardi vista la forte domanda che stiamo gestendo.
Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

Tutti i benefici delle piante indoor

Primavera, tempo di passeggiate, picnic al parco e prime serate all’aperto. Anche gli amanti delle stagioni fredde non possono negarlo: poter trascorrere più tempo fuori casa, fuori dall’ufficio o da qualsiasi altro ambiente costruito è una vera liberazione, non c’è occasione più opportuna per dirlo. Una boccata d'aria che rinvigorisce il fisico e tonifica l’umore. D’altra parte, l’esigenza di vivere a contatto con la natura e con le piante è scritta nel nostro DNA di esseri umani, e la routine imposta dalla vita urbana non ha fatto che confermare questa certezza.
Diverse città si stanno già impegnando per correre ai ripari, rendendo quelli urbani degli spazi più vivibili e pensati per il benessere. Ma dal momento che un cambiamento significativo e su larga scala impiegherà necessariamente molto tempo per realizzarsi, l’unica soluzione immediatamente efficace è scegliere di vivere fuori città? Certo che no.

Portare la natura dentro casa con le piante da interni

Quella di introdurre negli ambienti interni, soprattutto nelle case ma anche negli uffici, piante di ogni tipo è una tendenza che appare oggi in costante crescita. Sicuramente, la sensibilità agli spazi belli sviluppata in particolare dai social media basati sulla fotografia ha giocato un ruolo tutt’altro che indifferente nell’affermazione di questo trend, ma ridurre tutto al fattore estetico significherebbe lasciare da parte un elemento fondamentale della questione. In breve, si può dire che nel trend dell’houseplant sono confluite due tendenze di livello più alto: quella dell’attenzione quasi maniacale all’estetica degli spazi, e la sempre maggiore consapevolezza delle persone rispetto al wellness, da cui naturalmente deriva il desiderio di fare del proprio uno stile di vita orientato al benessere.

Trascorrere la gran parte del proprio tempo, quando non la totalità delle proprie giornate, in ambienti costruiti e poveri di aree verdi ha un effetto negativo sulla salute fisica e mentale.

Insomma, lungi dall’intendere le piante soltanto come una decorazione, gli abitanti delle città hanno iniziato a vederle come una delle soluzioni immediate per migliorare la qualità delle propria vita. E certo non a torto: i benefici che derivano dall’introduzione di elementi naturali in casa, o in qualsiasi altro spazio circondato da mura e coperto da un tetto, sono numerosi e, in qualche caso, anche inaspettati.

I benefici delle piante per interni

Quando si parla di benefici per la salute derivanti dalle piante, la prima cosa che viene in mente è il miglioramento della qualità dell’aria originato dalla produzione di ossigeno. In effetti, il contributo che le piante possono dare alla salute e al benessere delle persone ha a che fare soprattutto con la qualità di ciò che respiriamo. Ma le piante non migliorano la qualità dell’aria soltanto producendo ossigeno: innanzitutto, va ovviamente citata l’attività di assorbimento di CO2 fondamentale per la vita delle piante, ma non bisogna dimenticare anche il loro ruolo nella regolazione dei livelli di umidità e nell’assorbimento di composti chimici dannosi per l’uomo, come la formaldeide.
In più, numerosi studi hanno rilevato che vivere vicino a delle piante aumenta i livelli di produttività, di concentrazione, di creatività e allevia lo stress, garantendo un maggior livello di benessere generalizzato. E, forse inaspettatamente, le piante sembrano essere un ottimo alleato anche dell’allenamento.

Le piante e l’allenamento

Si è appena visto: le piante incrementano la produttività, un beneficio non da poco per chi può dedicare soltanto poche ore alla settimana all’allenamento e di conseguenza vuole trarne il massimo possibile. Assorbendo al contempo i rumori di sottofondo e le tossine disperse nell’aria che sono causa di diversi disturbi fisici, su tutti il mal di testa, le piante permettono di concentrarsi al meglio in ciò che si sta facendo e impegnarsi nell’allenamento senza distrazioni o fastidi.
Inoltre, le piante sembrano avere un effetto molto positivo di rafforzamento del sistema immunitario. È stato studiato in particolare in contesto ospedaliero: riducendo lo stress e i livelli d’ansia, le piante possono aiutare i pazienti nel recupero dopo una malattia o un episodio traumatico. Analogamente, c’è chi ha proposto di introdurre elementi verdi, come piante o anche strumenti realizzati in materiali naturali, nell’allenamento degli atleti che necessitano di recuperare rapidamente dopo una prestazione o un allenamento particolarmente impegnativi, sempre se non è possibile allenarsi all’aperto.
Tra piscine, docce e saune, le palestre e i centri fitness tendono a presentare livelli molto alti di umidità nell’aria. Le piante, lo si diceva, sono straordinariamente utili nella regolazione dell’umidità, ma possono contribuire a rendere le palestre luoghi più sani e piacevoli anche in altro modo: le attrezzature per l’allenamento emettono CO2, i cui livelli naturalmente aumentano all’aumentare del numero di persone presenti, ed è chiaro che in questo anche soltanto una pianta può fare la differenza, migliorando sensibilmente la qualità dell’aria.

/related post

Deallenamento: come combatterlo anche con la nutrizione

Sono numerosi gli sportivi e gli atleti che stanno adottando strategie per allenarsi in casa e frena...