Scopri e ordina i prodotti Technogym direttamente dal nostro sito;
ti informiamo che le spedizioni e le installazioni potrebbero subire ritardi vista la forte domanda che stiamo gestendo.
Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

Case in legno – da fantasia per bambini a futuro dell’abitazione

Alzi la mano chi non ha mai sognato almeno una volta, da bambino, di possedere una casa di legno sull'albero o in giardino in cui divertirsi e lasciar correre liberamente la fantasia, un luogo magico in cui immaginare di vivere mille avventure oppure soltanto in cui giocare a imitare i grandi.
Negli ultimi anni, questo desiderio infantile è sempre più condiviso anche dagli adulti: la costruzione di case di legno è ormai un trend reale e in continua crescita, al punto che – secondo l’ultima ricerca realizzata da FederlegnoArredo – in Italia 7 nuovi edifici su 100 vengono costruiti con questo materiale, soprattutto al Nord, in Lombardia, Trentino-Alto Adige e Veneto, un mercato che sfiora i 700 milioni di euro l’anno. L’Italia si posiziona al quarto posto in Europa per la produzione di prefabbricati in legno, dopo Germania, Regno Unito e Svezia, ma davanti ai Paesi del Nord Europa, alla vicina Austria e alla Francia, e registra un dato in fortissima crescita per il volume delle esportazioni.

 Il trend della bioedilizia

Nell'ambito di un maggiore interesse per la salute e per l’ambiente, che li ha portati a essere sempre più attenti al cibo sano, all'attività fisica e alle discipline olistiche, gli italiani stanno a poco a poco riscoprendo anche l’architettura sostenibile. La bioedilizia mira infatti a ridurre il consumo di energie non rinnovabili, utilizzando materiali ecocompatibili e cercando di minimizzare gli effetti nocivi delle strutture abitative tanto sulla salute di chi le occupa quanto sull'ambiente circostante.
Fra i vari materiali impiegati nell'ambito del Green Building, il legno è probabilmente quello che ha conosciuto lo sviluppo più importante, grazie alle sue caratteristiche, che permettono di costruire edifici sicuri, efficienti e con un basso impatto ambientale.

Cinque motivi per cui le case di legno sono il futuro dell’edilizia

Quali sono, quindi, i motivi per cui sempre più spesso si punta alla costruzione di case in legno?
1. Risparmio Energetico
Innanzitutto il risparmio energetico: il legno ha ottime capacità isolanti, stabilizza la temperatura negli ambienti, garantisce l’abbattimento dei costi sia di riscaldamento che di raffreddamento ed è traspirante.
2. Sicurezza
In secondo luogo la sicurezza: in effetti, a parità di resistenza, il legno è più leggero dei sistemi di costruzione tradizionali ed è in grado di sopportare le sollecitazioni che si sviluppano durante un terremoto addirittura quattro volte meglio del calcestruzzo.
3. Rispetto dell'ambiente
Il legno è l’unico materiale veramente rinnovabile e riciclabile, e il suo impiego è vantaggioso anche per l’ambiente, poiché permette una gestione migliore e più razionale delle risorse boschive e del loro mantenimento.
4. Contenimento dei costi
Altri parametri che possono spingere a una scelta di questo tipo sono il contenimento dei costi, soprattutto grazie agli incentivi messi a disposizione per chi costruisce o ristruttura un’abitazione ecologica e in vista della futura svalutazione degli immobili costruiti tradizionalmente, e la drastica riduzione dei tempi di assemblaggio, che permette di ottenere una casa nell'arco di poche settimane.

Grazie alle nuove tecnologie e lavorazioni, il legno si avvia a diventare il materiale del futuro anche per la costruzione di edifici di grandi dimensioni e di grattacieli: è stato di recente presentato il W350 Project dell’azienda edile Sumitomo Forestry, che nel 2041 porterà alla nascita di un edificio in legno alto 350 metri nel cuore pulsante di Tokyo.

5. Diminuzione di sostanze nocive
Non ultimo, costruire in legno e limitare l’impiego di materiali non naturali diminuisce la concentrazione di sostanze nocive e a migliora la qualità dell’aria che circola all'interno delle abitazioni, e con essa la sensazione di benessere e accoglienza che ogni “casa” dovrebbe avere. Ma soprattutto, come suggerisce Michael Green, importante architetto canadese, “proprio come con i fiocchi di neve, non troverete mai due pezzi di legno identici” e questo, in tempi di costante richiesta di personalizzazione, è un ulteriore punto a favore di questo materiale.

/related post

Le America’s Cup World Series e i team in gara nella 36a Coppa America

Ormai il conto alla rovescia è cominciato e, tra poco più di un anno, l’evento più attes...