Scopri e ordina i prodotti Technogym direttamente dal nostro sito;
ti informiamo che le spedizioni e le installazioni potrebbero subire ritardi vista la forte domanda che stiamo gestendo.
Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

La sostenibilità è verde: la classifica delle 10 migliori città sostenibili nel mondo secondo Treepedia

Mai come in questi tempi si parla di salvaguardia della natura, di ecosostenibilità e di città sostenibili. Queste risorse sono e saranno fondamentali per il nostro benessere, oggi e nel futuro prossimo. Oltre ad un ridimensionamento individuale rispetto all'utilizzo e allo smaltimento di materiali non biodegradabili come plastica e derivati, la presenza e il mantenimento delle aree verdi è una delle soluzioni più efficaci per rendere le città in cui viviamo più sostenibili.
Il Bosco Verticale, il simbolo della spinta green di Milano
A livello privato, esistono già delle compagnie virtuose che si stanno muovendo per ridurre il loro impatto ambientale e creare ambienti verdi per la propria forza lavoro ed il pubblico. Un chiaro esempio è Technogym ed il suo Technogym Village: un ecosistema di produzione e benessere progettato da Antonio Citterio.
Il Technogym Village all'alba
In questo spazio, composto da oltre 90.000 mq di spazio verde ed un complesso produttivo a basso impatto ambientale, il wellness e l’ecosostenibilità sono due degli elementi alla base dello stile di vita Technogym. Nel Village, gli ospiti ed i dipendenti hanno a loro disposizione uno dei migliori centri fitness del mondo, corsi e classi di fitness giornaliere, una mensa curata da un dietista con un focus su prodotti locali ed un ampio parco dove poter correre, andare in bici o passeggiare.
Tre anni fa, alla fine del 2016, i ricercatori del Senseable City Lab del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno lanciato il progetto Treepedia in collaborazione con il World Economic Forum. La piattaforma utilizza dati forniti da Google Street View per misurare e comparare la quantità di verde urbano in 27 città del mondo.

Treepedia nasce per questo, come un indice con il quale confrontare le città una con l’altra, incoraggiare le autorità locali e le comunità ad agire per proteggere e promuovere la volta verde. Carlo Ratti, direttore del MIT Senseable City Lab

Il portale interattivo, oggi, offre una mappatura ragionata a disposizione di chiunque, consentendo di visualizzare la posizione degli alberi all’interno delle città sostenibili selezionate. L’unica città italiana inserita nella lista delle città sostenibili è Torino, la città più verde della nostra penisola secondo Treepedia: raggiunge la diciottesima posizione, con un GVI pari a 16,2%.

Le 10 migliori città sostenibili del mondo

Vediamo quindi quali sono le dieci città sostenibili migliori del mondo, partendo dalla decima posizione per arrivare fino alla vetta.

10. Francoforte, Germania

Francoforte, è il centro finanziario della Germania, la quinta città più popolata del paese. La città è famosa anche per avere il bosco metropolitano più esteso del Paese! Si chiama Stadtwalt e conta più di cinquemila ettari di bosco, rendendolo così il più vasto bosco metropolitano dell’intera Germania. Un luogo ideale per chi vuole rilassarsi, godersi un bel libro, ma anche per chi vuole fare un giro in bicicletta o una semplice passeggiata a piedi. L’indice GVI della decima delle città sostenibili è pari al 21,5%.
La vista dal Meno di Francoforte

9. Sacramento, California

La capitale dello stato della California vanta un indice di copertura arborea del 23,6%. Nonostante la scarsa presenza di piogge, soprattutto durante i mesi estivi, le oltre duecento aree verdi in città - la prima degli Stati Uniti in questa classifica - diventano sempre più grandi.
Sacramento al tramonto
Nonostante l’America sia considerata uno dei paesi che più contribuiscono all'inquinamento globale, ci sono anche delle città sostenibili eccellenti come questa, avvantaggiata anche dalla vicinanza con la Silicon Valley, cuore dell’innovazione.

8. Johannesburg, Sudafrica

Anche la metropoli più popolosa del Sudafrica - conta sei milioni di abitanti - compare nella classifica delle migliori città sostenibili in ottava posizione, con un GVI del 23,6%. Si espande su un territorio molto vasto: è quasi una città-giardino con innumerevoli parchi e campi da golf. Pare, inoltre, che qui crescano più specie di alberi che in qualsiasi altra città al mondo e che prosperi la più estesa foresta artificiale del pianeta, una caratteristica che la rende unica rispetto alle altre città sostenibili.
Un'eslosione di viola e rosa, Il cielo di Bouganvillea di Johannesburg
A ottobre, quando esplode la primavera, la città è avvolta da una nuvola viola e rosa di jacaranda e di bouganvillea in fiore, mentre dopo le piogge estive sbocciano infinite varietà di fiori, che profumano l’aria coprendo l’odore acre degli scarichi delle automobili e di quelli industriali.

7. Durban, Sudafrica

Durban possiede un GVI pari al 23,7% ed è principalmente celebre come meta turistica grazie alle sue spiagge chilometriche fiancheggiate da grattacieli. Al suo interno però, il verde abbonda lungo le arterie principali, le strade e i parchi. Ad esempio, il Mitchell Park - fondato nel 1910, è una delle perle di Durban.
Attività all'aperto di Durban
Allo stesso modo, i Botanic Gardens - in città dal 1849, vantano un palmeto, un giardino giapponese, uno delle erbe, uno del tè e alcuni tratti di foresta. il Makaranga Botanical Garden, simile al precedente, ma più fruibile grazie alla presenza di numerose infrastrutture immerse nel verde alternate da specchi d’acqua.

6. Montreal, Canada

Il clima di Montreal è molto particolare: le estati sono calde - trenta gradi - e afose, mentre la stagione invernale è solitamente molto fredda e con temperature minime ben al di sotto dei dieci gradi. Tuttavia, tutto ciò non impedisce al principale centro economico del Québec si attestarsi in mezzo alla classifica delle migliori città sostenibili, con un GVI del 25,5%. E gli spazi verdi all'interno della città non mancano di certo.
Il Giardino Botanico Di Montreal
Il Giardino Botanico della città sembra esser sbucato da una favola: al suo interno, tra vialetti perfettamente curati, fiori profumatissimi e sculture imponenti scolpite utilizzando varie specie botaniche. È sicuramente uno dei luoghi più affascinanti della regione, nonché il terzo giardino al mondo per estensione, dopo i Kew Gardens a Londra e il Botanischer Garten di Berlino.

5. Sydney, Australia

La città col maggior numero di abitanti dell’Oceania è anche la prima tra le città sostenibili del continente,  con un GVI del 25,9%. Questa destinazione che fa sognare milioni di persone in tutto il mondo si trova in un bacino costiero che vanta il porto naturale più grande del mondo - Port Jackson.
Vista litoranea di Sydney
Oltre alle zone verdi rilevate da Treepedia, va ricordato che nella zona a nord di Sydney le ripide vallate sono ancora ricoperte da foreste. Le grandi aree verdi sono oltre settanta, compreso un parco nazionale: il Sydney Harbour National Park. I Botanic Gardens rappresentano una delle icone di cui i sydneysiders - abitanti di Sydney - vanno più fieri.

4. Vancouver, Canada

Ai piedi del podio delle migliori città sostenibili, questa città sulla costa occidentale del Canada condivide con Sydney il medesimo GVI. È la terza maggiore area metropolitana dello stato ed è costantemente classificata tra le prime tre città più vivibili al mondo. Vancouver ha inoltre adottato un piano dettagliato per diventare, entro il 2020, la metropoli più verde del pianeta.

Energie rinnovabili, trasporti pubblici elettrici, riciclo dei rifiuti, edifici a zero impatto ambientale sono solo alcuni dei punti principali di un progetto fondato sulla sostenibilità.

3. Oslo, Norvegia

Oslo ha un GVI che arriva a quota 28,8%. La capitale norvegese si trova all'estremità dell’Oslofjord ed al suo interno vi sono numerose isole e laghi. Le incontaminate colline verdi che circondano la città, sono occupate per due terzi da aree protette riservate a piante ed animali, elementi che le hanno permesso di aggiudicarsi il titolo di capitale verde europea 2019.
La vista del fiordo di Oslo, con le tipiche case di legno
Il suo programma di rinnovamento sostenibile si basa su cinque punti: eliminazione delle auto dal centro, drastica riduzione delle emissioni di anidride carbonica, conservazione di una foresta primaria nell'area urbana, gestione ottimale dei rifiuti e costruzione del nuovo Oslo Airport City a impatto zero.

2. Singapore

Appena dietro la prima nella nostra classifica delle città sostenibili, la modernissima città-stato del sud-est asiatico ha un Green View Index del 29,3%. Nonostante la forte urbanizzazione degli ultimi anni e il fatto che sia la seconda città più densamente popolata del globo, quasi il 30% del suo territorio rimane costituito da aree verdi.
Singapore, la perla del Sud Est Asiatico
Questa percentuale è destinata ad aumentare entro il 2030: un progetto lanciato nel 2013 prevede infatti che tra meno di quindici anni l’85% dei residenti di Singapore vivrà a meno di 400 metri da un parco pubblico, trasformando la città in un immenso parco urbano, una caratteristica unica tra le città sostenibili di questa classifica.

1. Tampa, Florida

La prima nella classifica delle migliori città sostenibili è Tampa, con un GVI del 36,1%. È la terza città della Florida - dopo Jacksonville e Miami - che si è sviluppata come area turistica grazie a chilometri di spiagge e numerosi parchi divertimento a tema. Basta decollare o atterrare al Tampa International Airport per poter comprendere come sia proprio questa la prima tra le migliori città sostenibili, grazie alle distese di alberi, palme ed aree verdi.
La verde vista aerea di Tampa
Tutto è iniziato nel 1972, quando l'ex consigliere comunale Joe Chillura contribuì alla stesura di un'ordinanza volta a fare di Tampa una città più green. Quarantasette anni dopo, questo decreto sta ancora contribuendo a proteggerne le risorse naturali, facendole vincere meritatamente la medaglia d’oro tra le migliori città sostenibili del mondo.

/related post

Una giornata con il team di Luna Rossa

Come trascorrono le giornate i velisti di Luna Rossa? Ne abbiamo parlato con il team che è in prepa...