Scopri e ordina i prodotti Technogym direttamente dal nostro sito;
ti informiamo che le spedizioni e le installazioni potrebbero subire ritardi vista la forte domanda che stiamo gestendo.
Il sito utilizza cookie tecnici propri, cookie analitici di terze parti anonimizzati, e cookie di terze parti che potrebbero profilare: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner, acconsenti a ricevere i cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie, clicca qui.
OK

Come la Mixed Reality cambierà il tuo allenamento

La Mixed Reality, che coniuga VR Virtual Reality e AR Augmented Reality nel mondo fisico, è certamente una delle frontiere più interessanti e le sue applicazioni troveranno presto spazio sia tra gli atleti che nella fruizione da parte del pubblico e dei tifosi. È una delle nuove disruptive technologies (tecnologie dirompenti), stanno cambiando il mondo in ogni suo ambito e lo sport è una tra le realtà in cui la trasformazione digitale può mettere in campo il meglio dell'innovazione.

Cos’è la Mixed Reality

Mixed Reality (MR), traducibile in italiano con realtà mista, a volte indicata anche come hybrid reality (realtà ibrida), fonde assieme mondi reali e virtuali per generare nuovi ambienti e nuove modalità di visualizzazione, in cui gli oggetti fisici e quelli digitali coesistono e interagiscono con le persone in tempo reale.

La Mixed Reality non ha luogo esclusivamente nel mondo fisico o in quello virtuale, ma è un mix di realtà (il mondo che vediamo e che percepiamo con i nostri sensi) e di realtà virtuale (il mondo che sperimentiamo attraverso appositi dispositivi). Tale mix comprende sia la realtà aumentata che la virtualità aumentata.

La mixed reality è una realtà mista che fonde elementi reali e virtuali
Per capire meglio cosa questo significhi occorre analizzare le caratteristiche di ciascuna di queste realtà:

  • 1. La Virtual Reality (VR) immerge i suoi utenti in un ambiente del tutto artificiale e digitale, indipendentemente dal contesto esterno (mondo reale), dal quale gli utenti vengono alienati.
  • 2. La Augmented Reality (AR) sovrappone oggetti virtuali all’ambiente fisico (mondo reale) limitandosi alla mera visualizzazione degli stessi, senza alcuna reale interazione tra l’ambiente e gli oggetti stessi.
  • 3. La Augmented Virtuality (AV) consiste nella fusione di oggetti del mondo reale in mondi virtuali (es. una sfera in mano all’utente viene visualizzata anche all’interno della realtà virtuale che sta esplorando, cosicché la percezione tattile e quella visiva saranno allineate nonostante il dispositivo che l’utente indossa gli impedisca di vedere la sfera che è realmente nella sua mano).
  • 4. La Mixed Reality (MR) non si limita a sovrapporre, ma consente di ancorare gli oggetti virtuali al mondo reale, permettendo agli utenti di interagire con essi in funzione dell’ambiente stesso (es. una pallina virtuale che rotola su un piano reale e alla fine dello stesso cade in terra, come farebbe una pallina vera e come essa può essere presa in mano e sentita attraverso guanti da realtà virtuale).

Tra gli ambiti in cui la Realtà Virtuale (VR) è già entrata da tempo e con successo c’è di sicuro quello sportivo, che oggi è pronto per un ulteriore balzo in avanti.

Questo significa che con la Mixed Reality si possono fare esperienze di totale immersione, che però non trascendono la realtà e il mondo fisico, ma integrano in esse oggetti virtuali, che vengono percepiti e gestiti attraverso appositi dispositivi (occhiali, guanti e altri accessori da realtà aumentata, cuffie con Audio Surround 4D Stereo e altro).
La Mixed Reality trova già spazio in molti ambiti (es. sanità, architettura, militare, aeronautica e aerospazio) e sarà presto un trend anche nello sport, sia per l’allenamento e la pratica da parte degli atleti, sia nel gioco, nella simulazione e nella fruizione da parte di appassionati e tifosi, che potranno vivere una vera esperienza immersiva in molti modi diversi.

Mixed Reality e sport

Tra gli ambiti in cui la Realtà Virtuale (VR) è già entrata da tempo e con successo c’è di sicuro quello sportivo, che oggi è pronto per un ulteriore balzo in avanti. Se fino ad ora il focus è stato incentrato soprattutto sulla simulazione di quanto accade durante una gara, aiutando gli atleti soprattutto dal punto di vista mentale e della preparazione psicologica ai possibili scenari, più che da quello fisico, con la Mixed Reality la posta in gioco si alzerà notevolmente, anche grazie all’utilizzo di visori VR molto innovativi.
Con la Mixed Reality la posta in gioco nell'allenamento si alza notevolmente
Portare oggetti virtuali nel mondo reale e ancorarli alla realtà che i nostri sensi percepiscono, significa infatti metterci nella condizione di portare ciò che sinora è stato solo e completamente virtuale e digitale nel nostro mondo fisico. Grazie a questo avremo l’opportunità di testare sul campo, proprio come se fosse lì insieme a noi, quello che finora abbiamo potuto soltanto vedere all’interno di un occhiale o di uno schermo.

Con la maturazione della Mixed Reality e delle tecnologie che la supportano, ad esempio, un centometrista potrà allenarsi correndo insieme ai più forti del mondo vedendoli a fianco sé come ologrammi, oppure con atleti della propria categoria che in passato poteva incrociare solo durante meeting e gare.

La mixed reality è una realtà innovativa che rivoluzionerà il mondo digitale
Un pilota potrà provare direttamente in pista, decine di volte, una vera partenza o un sorpasso non riuscito, o un qualsiasi momento della gara che gli ha creato dei problemi o che avrebbe potuto affrontare in modo diverso. Oppure simulare tutti i possibili comportamenti di un avversario partendo dal suo modo di gareggiare, mettendosi nella sua scia al posto dei piloti che lo hanno già fatto in altre gare. Tutto questo senza correre il rischio di entrare in collisione con gli avversari, ma avendo immediato riscontro di traiettorie o manovre che avrebbero portato all’impatto, se le altre vetture fossero state reali.

Mixed Reality per fan e partecipazione

Così come gli atleti, anche gli spettatori potranno vivere le gare in un modo completamente nuovo, grazie alla Mixed Reality. Già oggi le piattaforme a pagamento ci consentono di scegliere le inquadrature, i punti di vista e le angolazioni da cui vogliamo assistere a una competizione.

Allo stesso modo, ciò che guardiamo in TV è già aumentato da grafiche, segni, animazioni e supporti alla fruizione che ci permettono di capire meglio cosa sta accadendo.

La Mixed Reality ci porterà ad un nuovo livello di immersione nell’evento, dandoci l’opportunità di aggiungere a quello che stiamo vedendo, dal vivo o in diretta TV, ulteriori stimoli e suggestioni e portandoci letteralmente all’interno dell’azione o sugli spalti dello stadio, invece che sul nostro solito divano. Ovviamente per provare ciò che provano gli altri tifosi in curva dovremo vedere la partita sul balcone e goderci anche il freddo e le intemperie, ma per un’esperienza più vera della realtà non lo fareste?

/related post

I miei primi 30 giorni con Technogym Bike

I primi 30 giorni di Technogym Bike hanno aiutato una donna a riscoprire il piacere di allenarsi e d...